UN MARCHIGIANO DOC ALLA "CORTE" DEL FAIZANE'

Stampa
PDF
Filippo Sgrò  2

E' arrivato a Zanè una sera in punta di piedi, con una vecchia borsa nera marchiata Kinder, chiedendo se c'era un posto libero in spogliatoio dove poter cambiarsi .... un marchigiano DOC , Filippo Sgrò, schiacciatore classe 87, cm 196 di San Severino Marche, provincia di Macerata.

DOC,  non solo perché l'accento marchigiano caratteristico lo contraddistingue, ma anche perché è laureato in Economia e Commercio.

Sgrò probabilmente avrebbe potuto giocare a pallavolo in serie A per diversi anni, ma ha preferito non abbondonare gli studi e una volta laureato, ha vinto un concorso in banca. Ora ha un ruolo di responsabilità in una filiale di uno dei gruppi bancari più importanti di Italia. La pallavolo ora è solo una passione ed un modo per restare in forma.

 

" Quando Soliman è venuto a trovarmi - afferma lo schiacciatore Filippo Sgrò - inizialmente ho dovuto rifiutare perché il lavoro mi stava impegnando parecchio, e poi logisticamente era improponibile. Ora con il trasferimento ad una filiale più vicina, non sono riuscito a rinunciare al richiamo della palestra ... questo ambiente mi piace molto, la squadra è composta da ragazzi in gamba e ci divertiamo veramente durante l'allenamento. E poi qui nessuno ci sta a perdere ..."

" Lo conosco dal 2003 - dice Soliman - ai tempi faceva parte della selezione Marche al Trofeo delle Regioni a Ciampino (Roma).

Poi ha fatto collegiali con le varie nazionali giovanili e tornei e campionati di categoria a livello internazionale con il gruppo 87 88. Ha fatto la sua formazione nel settore giovanile della LUBE Macerata, fino a fare la panchina in A1 con il sodalizio marchigiano. Poi stagioni a Verona e Crema in A2, anni da protagonista in serie B1 a Biella, Potenza Picena, Brescia ed infine ad Isola della Scala (VR) dove era l'autentico trascinatore della squadra. E' venuta da noi per darci una mano, la squadra lo ha accolto molto bene, lo vedo impegnarsi e sorridere nonostante la fatica, è un segnale importante che si sta divertendo."

Ora con calma. di allenamento in allenamento, ritroverà la condizione fisica, e poi potrà essere un valore aggiunto al gruppo che si sta preparando ad affrontare impegni decisivi dal punto di vista agonistico.